laboratori di sostenibilità

mail: info@casaleilsughero.com - phone: (+39) 3283211721 - blog: casaleilsughero.blogspot.it - twitter: casaleilsughero - google+: casale il sughero - pagina facebook: fattoria in transizione casale il sughero - linkedin: amedeo trezza - youtube channel: amedeotrezza

Casale Il Sughero

Ospitalità e cultura rurale in Cilento

Hospitality and rural culture in organic farm in Cilento

Crescita e decrescita

Una diversa crescita è possibile...

Costruire con il legno

Pratiche sostenibili: le nostre attività

 

 

Casale Il Sughero è uno di questi Laboratori, la nostra esperienza di vita quotidiana è già ricerca di sostenibilità e cerchiamo di arricchire e diversificare le nostre attività eco-sostenibili attraverso la promozione di buone pratiche. Organizziamo periodicamente e in tema coi vari periodi dell’anno dei laboratori di decrescita felice o, come amiamo maggiormente dire, di ‘diversa crescita felice’:

 

  • laboratori di panificazione naturale con lievito madre, levitazione lenta e cottura nel nostro eco-forno a legna tradizionale e pastificazione a mano con gli antichi grani autoctoni duri e teneri originari dell'appennino meridionale;
  • recupero della lana,in collaborazione con le associazioni sul territorio che si occupano di filatura, tessitura e colori naturali;
  • autoproduzione di saponi naturali (realizzati con olio, farina, fiori ed oli essenziali);
  • insegnamento dei principi dell'agricoltura naturale e dell'orticoltura sinergica;
  • piccola auto-costruzione con materiali naturali (legno, pietra e calce);
  • alla gestione ecologica ed all'importanza del riciclo nel sistema integrato di una piccola fattoria;
  • raccolta di erbe spontanee alimentari che utilizziamo sia per cucinare che a scopi fitoterapici (unguenti, balsami, tisane, decotti);
  • laboratori del gusto con aziende partner attraverso la lavorazione e la degustazione di prodotti del territorio;
  • caseificazione naturale del latte di capra nelle tipiche cacioricotte cilentane e in ricotta fresca;
  • trasformazione dei prodotti dell’orto in conserve e confetture;
  • attività educative coi bambini a contatto con la grande maestra madrenatura e recupero delle pratiche e degli antichi saperi del mondo rurale.

 

Dalla Città del Parco ai Laboratori del Quarto Paesaggio

 

Logo del progetto I Laboratori della Città del Quarto Paesaggio

Il riposizionamento geografico ed esistenziale da un modello di consumo post-industriale al tentativo di perseguire un modello impostato sull’auto-sostentamento critico, segna la nostra realtà come un tentativo di resistenza nel contesto della spopolamento e dell’abbandono delle campagne meridionali.

Il gesto di riposizionamento è volontà di dimostrare la sostenibilità della scelta di riabitare i luoghi abbandonati anche nella dimensione privata e non solo nel pubblico. È gesto consapevole di una azione in controtendenza, per questo difficile ma allo stesso tempo percepito come necessario. Preso atto della impossibilità di perseverare nei modelli e nei paesaggi di provenienza, quello agrario tradizionale, quello metropolitano industriale nonché gli esiti sconnessi del terzo paesaggio post-industriale sub-urbano, la Città del Parco si ripropone oggi come una quarta via per l’uomo che abita il suo territorio.

Così nasce il Quarto Paesaggio, nuova urbanità densa ma coesa su di un’area vasta. La Città del Quarto Paesaggio si affida pertanto a tanti punti di resistenza e di ripartenza diffusi sul territorio, nuovi frammenti di possibile resilienza, ovvero i Laboratori del Quarto Paesaggio.

 

Siamo inoltre fattoria ospitante dell’Associazione internazione WWOOF, che promuove volontariato di giovani e meno giovani nelle farm del mondo in cambio di aiuto nelle attività quotidiane. L’incontro tra culture e lo scambio di saperi è alla base per una gestione sostenibile del nostro pianeta. I volontari che ospitiamo entrano nella nostra casa e vivono con noi conoscendo i nostri ritmi e i tempi della terra. Componenti temporanei della nostra famiglia e clerici vagantes della nuova contemporaneità. Tanti giovani passano di qui prendendo spunto per i propri progetti di vita e al contempo ci lasciano le loro testimonianze di vita e numerosi stimoli alla continua innovazione.

 

 

Inoltre offriamo la nostra disponibilità in zona come punto di lettura e divulgazione della storica rivista AAM Terra Nuova, mensile per l’ecologia della mente e la decrescita felice, rivolgendoci in maniera particolare a tutti coloro che hanno a cuore la sostenibilità ambientale e l’ecologia dei comportamenti. La rivista, così come i libri che edita, offre sempre ottimi spunti di riflessione sui temi della sostenibilità e delle buone pratiche alternative ai sistemi dominanti e mette a disposizione dei lettori gruppi di lavoro sui temi più sensibili garantendo anche seri approfondimenti scientifici.

 

Ed ecco alcuni nostri video